sabato 26 novembre 2016

Francia
Preso a Montpellier il responsabile dell’assalto alla casa di riposo per religiosi
L'Osservatore Romano
Dopo quasi 24 ore di caccia all’uomo, un uomo è stato fermato dalla polizia perché sospettato dell’assalto alla casa di riposo per anziani monaci e missionari di Montferrier-sur-Lez, nel sud della Francia, durante il quale è stata uccisa la custode. Si tratta di un disoccupato di 47 anni, ex militare paracadutista, che in passato sembra abbia lavorato come aiuto infermiere nell’ospizio.
La casa di riposo si trova vicino a Monpellier, nel dipartimento dell’Hérault nella regione della Linguadoca-Rossiglione. Il procuratore di Montpellier, Christophe Barret, aveva subito scartato la pista del terrorismo jihadista affermando: «In assenza di alcun elemento che proverebbe un qualsiasi legame con il terrorismo, ci orientiamo verso una pista locale, qualcuno che era legato all’istituto». La diocesi di Montpellier si è detta sotto choc per il violento assalto all’ospizio in cui risiedono una sessantina di anziani ex missionari in Africa, diversi dei quali con problemi di salute.
L'Osservatore Romano, 26-27 novembre 2016