sabato 6 agosto 2016

caffestoria.it
(Simone M. Varisco) Dopo l’attacco a Londra da parte di un 19enne armato di coltello, si torna a parlare di malattia mentale e terrorismo. Tentativo di dare delle rassicurazioni? Buonismo e negazione della violenza di matrice islamica? Soltanto uno scenario prevedibile, che darà presto nuovi, nefasti, frutti. 10 maggio, Grafing, Germania, un tedesco di 27 anni aggredisce quattro passeggeri su un treno diretto a Monaco, uccidendone uno. Secondo i testimoni l’uomo urlava “Allahu Akbar”. 12 giugno, Orlando, Florida, un cittadino statunitense (...)