mercoledì 28 ottobre 2015

Vaticano
Mercoledì 28 ottobre: la giornata del Papa
(a cura Redazione "Il sismografo")
***  L'Udienza generale interreligiosa di Papa Francesco in occasione del 50° anniversario della promulgazione della Dichiarazione Conciliare “Nostra ætate”
"Il Concilio Vaticano II è stato un tempo straordinario di riflessione, dialogo e preghiera per rinnovare lo sguardo della Chiesa Cattolica su sé stessa e sul mondo. Una lettura dei segni dei tempi in vista di un aggiornamento orientato da una duplice fedeltà: fedeltà alla tradizione ecclesiale e fedeltà alla storia degli uomini e delle donne del nostro tempo"
Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
Nelle Udienze Generali ci sono spesso persone o gruppi appartenenti ad altre religioni; ma oggi questa presenza è del tutto particolare, per ricordare insieme il 50° anniversario della Dichiarazione del Concilio Vaticano II Nostra ætate sui rapporti della Chiesa Cattolica con le religioni non cristiane. Questo tema stava fortemente a cuore al beato Papa Paolo VI, che già nella festa di Pentecoste dell’anno precedente la fine del Concilio, aveva istituito il Segretariato per i non cristiani, oggi Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Esprimo perciò la mia gratitudine e il mio caloroso benvenuto a persone e gruppi di diverse religioni, che oggi hanno voluto essere presenti, specialmente a quanti sono venuti da lontano.

(Testo)
*** Udienza generale: Appello di Papa Francesco per le popolazioni del Pakistan e dell'Afghanistan
Ecco le parole di Papa Francesco oggi al termine dell'Udienza generale in Piazza San Pietro:
"Siamo vicini alle popolazioni del Pakistan e dell’Afghanistan colpite da un forte terremoto, che ha causato numerose vittime e ingenti danni. Preghiamo per i defunti e i loro familiari, per tutti i feriti e i senza tetto, implorando da Dio sollievo nella sofferenza e coraggio nell’avversità. Non manchi a questi fratelli la nostra concreta solidarietà."

*** Chirografo di Papa Francesco per l’erezione della Fondazione “Gravissimum educationis”
Sono grato alla Congregazione per l’Educazione Cattolica per le iniziative promosse nell’anno cinquantenario della dichiarazione Gravissimum educationis sull’educazione cristiana, promulgata dal Concilio Ecumenico Vaticano II il 28 ottobre 1965. Sono altresì lieto di apprendere che il medesimo Dicastero desidera costituire in questa circostanza una Fondazione denominata Gravissimum educationis intesa a perseguire “finalità scientifiche e
(Testo)
*** Indulgenza plenaria ai Legionari di Cristo e a tutti i membri del Regnum Christi
(Testo)