giovedì 9 luglio 2015

Vaticano
Giovedì 9 luglio: la giornata del Papa

(a cura Redazione "Il sismografo")

*** Nomina
*** Partecipazione al II Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari all’Expo Feria di Santa Cruz de la Sierra. Discorso del Santo Padre
Fratelli e Sorelle, buon pomeriggio. Qualche mese fa ci siamo incontrati a Roma ed ho presente quel primo nostro incontro. Durante questo tempo l’ho portata nel mio cuore e nelle mie preghiere. Sono contento di rivedervi qui, a discutere sui modi migliori per superare le gravi situazioni di ingiustizia che soffrono gli esclusi in tutto il mondo. Grazie, Signor Presidente Evo Morales, perché accompagna così risolutamente questo Incontro.
Quella volta a Roma ho sentito qualcosa di molto bello: fraternità, decisione, impegno, sete di giustizia. Oggi, a Santa Cruz de la Sierra, ancora una volta sento lo stesso. Grazie per tutto ciò. Ho saputo anche dal cardinale Turkson presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, che molti nella Chiesa si sentono più vicini ai movimenti popolari. Me ne rallegro molto! Vedere la Chiesa con le porte aperte a tutti voi, mettersi in gioco, accompagnare, e programmare in ogni diocesi, ogni Commissione di Giustizia e Pace, una reale collaborazione, permanente e impegnata con i movimenti popolari. Vi invito tutti, Vescovi, sacerdoti e laici, comprese le organizzazioni sociali nelle periferie urbane e rurali, ad approfondire tale incontro.
[Text: Italiano, Français, English, Español, Português]
*** Incontro con sacerdoti, religiosi e religiose, seminaristi a Santa Cruz de la Sierra. Discorso di Papa Francesco:
“Non esiste una compassione che non si fermi, non ascolti e non solidarizzi con l’altro. La compassione non è zapping, non è silenziare il dolore, al contrario, è la logica propria dell’amore”
[Text: Italiano, Français, English, Español, Português]