giovedì 23 aprile 2015

Vaticano
Giovedì 23 aprile: la giornata del Papa
(a cura Redazione "Il sismografo")
*** Rinuncia e nomina

*** Papa Francesco: quando una società nasconde Dio scarta l'uomo 
Quando una società nasconde Dio, si scartano gli uomini: è quanto ha affermato Papa Francesco in occasione delle iniziative presentate da “Scholas Occurrentes”, una rete educativa mondiale promossa dallo stesso Pontefice, attiva, in particolare, tra i giovani delle periferie urbane o in difficoltà. Le parole, pronunciate dal Papa martedì scorso a Santa Marta, e pubblicate oggi da Radio Vaticana, sono state raccolte da Mercedes De La Torre.
"Oggigiorno un ragazzo vede come una cosa normale morire di fame, essere malato, rubare, uccidere, vivere in bande. E’ la proposta ad alcuni settori della società: lavorare per il traffico di droga. Sono le proposte più vicine ai ragazzi poveri.
E questo è un cammino verso il suicidio: suicidio morale, suicidio esistenziale. Io non voglio che l’umanità si suicidi. E ci sono tanti ragazzi che sono vittime di tutta questa violenza e di questa povertà. E questo è un progetto e una promessa. Vi ringrazio e resto ammirato per la vostra umanità, per il vostro umanesimo. Il vostro è realmente un lavoro creativo di fronte ad un sistema educativo che non ha la capacità di reagire. Ci sono eccezioni, ma in generale, per quello che conosco dell’America Latina e qualcosa dell’Africa, si è incapaci di reagire. E questa proposta apre orizzonti, è creativa, come l’educazione dei tre linguaggi coordinati: il linguaggio della mente, il linguaggio del cuore e il linguaggio della mano, cioè del lavoro coordinato. Il segreto è nella persona umana e in Dio. Dio ha seminato nel cuore umano tante possibilità e quando una società nasconde Dio e non mette al centro la persona umana finiamo nella cultura dello scarto. Per questo mi coinvolgo in tutte queste cose”.
Tweet
"Nei Sacramenti troviamo la forza di pensare e agire secondo il Vangelo."