martedì 20 maggio 2014

Vaticano
(a cura Redazione "Il sismografo")
(Luis Badilla) Si chiama Juan Carlos Parodi e in Argentina è un medico chirurgo molto famoso e gode di grande prestigio professionale. E a 72 anni è ancora molto attivo, soprattutto nei congressi mondiali dove spesso partecipa come inventore di una tecnica endovascolare per operare gli aneurismi dell'aorta abdominale. Nel 1980 Parodi dopo una visita ad un "umile sacerdote molto malato" - Jorge Mario Bergoglio - prese una drastica decisione: operare subito il suo paziente. Altrimenti il prete rischiava la vita. Il 9 aprile scorso, il Dr. Parodi, che si trovava a Londra, fu informato che poteva essere ricevuto da Papa Francesco, il suo ex paziente, oggi vescovo di Roma. Parlando con "Radio Confidencial", Parodi ha raccontato com'è stato l'incontro: "Mi sono precipitato subito a Roma". In vaticano il medico poté parlare con il Santo Padre almeno 40 minuti.
Ricordando i fatti del 1980, Juan Carlos Parodi racconta: "Per me è stata una sorpresa. Nel 1980 sono stato chiamato da un altro medico che mi parlò di un paziente, un umile sacerdote molto malato. Era un gesuita che aveva fatto voti di povertà, castità e ubbidienza e non aveva risorse. Mi chiese: Puoi aiutarlo?. Mi sono sentito onorato. Quella notte ho abbandonato tutto e sono andato a trovare il sacerdote (padre Bergoglio aveva allora 44 anni). Era veramente molto malato".
Trentaquattro anni dopo, il dr. Parodi prosegue il suo racconto dicendo: "Sì, lo avevo operato, ma non ricordavo molto di più. Ricordavo che tutto era andato molto bene, che mi aveva regalato un libro. Ricordo che aveva insistito nel voler pagarmi. Disse naturalmente che non era il caso. Mi regalò un libro con una dedica. Dopo ho saputo che questo prete umile e molto malato era Bergoglio".
L’incontro recente con il Papa è stato una delle esperienze più belle della mia vita, osserva Parodi. "Non appena mi ha visto, il Santo Padre ha esclamato: 'Ti trovo uguale a come ti ho visto quella notte quando mi sentivo morire. Mi hai salvato la vita ... Sì, tu mi hai salvato la vita quando avevo un'infezione alla cistifellea che, tutti sanno che in molti casi è una malattia letale. Sì, quella stessa notte mi hai operato. Non ho mai dimenticato il tuo volto. Dal momento che ho visto la tua faccia mi sono sentito subito un po’ meglio".
Il Dr. Parodi, commosso e sorpreso, aggiunge. "Ora l'ho visto bene. La sua salute mi sembra perfetta. Incredibile!, ma sta bene, molto bene".
La lettera. Il Dr. Parodi, il 19 marzo 2013, pochi giorni dopo l'elezione di Jorge Mario Bergoglio, pubblicò sulla stampa argentina questa breve lettera: "Papa Francesco è un uomo che sarà molto amato e farà un grande bene al mondo intero. Fu un mio paziente e anni fa ho dovuto operarlo. La sua severa umiltà è una evidenzia della sua personalità. Senza sostenere l'esaltazione della povertà penso che sia nostro dovere aiutare i più poveri e dobbiamo anche odiare la povertà che trascina verso la miseria e toglie possibilità al vivere dignitosamente. Si tratta piuttosto di creare ricchezza e distribuirla con equità. La Chiesa non deve essere ricca e ostentare (ricchezza), ma deve però avere le risorse che permettano svolgere e compiere la sua missione in modo efficiente. Tutti dobbiamo rallegrarci di avere un uomo buono e intelligente come nuovo Papa della nostra Chiesa"
(Texto español - La Nación)
El papa Francisco es un hombre a quien se va a amar mucho y va a hacer un gran bien al mundo. Fue mi paciente y lo operé unos años atrás. Su elegida humildad es una cabal muestra de su personalidad. Sin estar de acuerdo en la exaltación de la pobreza, pienso que debemos ayudar al pobre, sin duda, pero hay también que odiar esa pobreza que lo arrastra a la miseria y le quita posibilidades de vivir dignamente. Más bien, hay que crear riqueza y repartirla con equidad. La Iglesia no tiene que ser rica ni ostentosa, pero tiene que tener recursos para desempeñarse eficientemente y cumplir su misión. Alegrémonos de la fortuna de tener a un hombre bueno e inteligente como el nuevo papa de nuestra Iglesia.